Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Orlando’

Stavo per preparami un intervento di due minuti da fare oggi in un incontro fra cittadini palermitani, futuro sindaco e futuri assessori, lo ricordo alle 18 a Villa Bordonaro in via del Fante. Non so se riuscirò a sintetizzarlo in due minuti, non so se riuscirò ad avere il tempo fra mille interventi e comunque io sono persona di scrittura e non di parola.

A memoria mia e del mio interlocutore principale, Francesco Giambrone, futuro assessore alla cultura, di quanti vogliono ragionare su una città migliore, ecco il mio piccolo contributo:

La memoria e la nostalgia ricorrono protagoniste in questa campagna elettorale, come qualcosa che bisogna giustificare e arricchire di un aggettivo buono che è l’esperienza. Nel caso dell’assessorato alla cultura, il ricordo è inevitabile perché avremo l’assessore che per più tempo ha ricoperto questo incarico.

La mia memoria della cultura a Palermo è fatta di luoghi e di persone. Due luoghi sono Villa Trabia e i cantieri culturali alla Zisa, di quest’ulmino si è tanto parlato di recente che credo ci siano buoni suggerimenti su come proteggerlo dal vandalismo delle future amministrazioni.

Le persone sono tante, la maggior parte delle quali fa parte (come me) di quella schiera di scoraggiati che neanche cerca più un’occupazione nel mondo dello spettacolo (e della cultura in genere), o come altri ha più fortunatamente cambiato mestiere. Questo è da imputare al cambiamento politico non soltanto di Palermo ma dell’Italia tutta, al suo livellamento in basso. Chi in passato ha fatto cultura o ha soltanto fruito cultura, negli ultimi 11 anni si è talmente depressa da rimuovere, dimenticare.

Una sera del 2008 mia figlia, a Londra, è andata a vedere con la sua scuola di recitazione uno spettacolo di Pina Baush, telefonandomi  durante l’intervallo: “ma non mi avevi detto che Pina Baush aveva fatto uno spettacolo su Palermo!” In realtà glielo avevo raccontato e le avevo raccontato tante altre cose a cui lei faceva fatica a credere, come quella volta che mi ero trovata seduta accanto a Harold Pinter in una prova spettacolo per tecnici e lui ci chiedeva cosa ne pensavamo della sua scenografia, noi? Lei ricordava invece gli spettacoli per bambini, le feste e i Carnevali a Villa Trabia, soprattutto ricordava la mia felicità di allora.

I nostri anni buoni sono troppo dolorosi da ricordare, le giunte Cammarata sono riuscite a cancellare la memoria della Palermo felice e dei suoi protagonisti. Va anche detto che forse qualcosa poteva essere fatto allora perché quell’esperienza potesse lasciare un orma virtuosa, un passo incancellabile, un mattoncino, un paletto, qualcosa di meno effimero della nostra memoria.

Ma non recriminiamo, costruiamo piuttosto, siamo quì per questo

Dei luoghi della cultura si è già parlato e vorrei parlare delle persone, non tanto dei protagonisti principali ma della miriade di comprimari con cui, alomeno io, sono entrata in contatto in quegli anni.

Il fatto che Palermo sia riuscita ad essere per un periodo capitale della cultura  ha significato il movimento di un indotto professionale non indifferente, fatto di gente dello spettacolo, tecnici, studenti, svariata manovalanza che è cresciuta anno dopo anno con l’allestimento del festino, del capodanno in piazza, del Festival sul Novecento, dell’estate palermitana e poi il tempo scuola, la città dei ragazzi e un oceano di spettacoli e interventi culturali che si svolgevano tutto l’anno. Da un lato c’era una città che fruiva, dall’altro una che cresceva, trovando occupazione, anche se precaria.

In ogni edizione del festino di quegli otto in cui ho lavorato alla sua preparazione, la selezione di una buona squadra era la parte più difficile, avevo dei bravissimi assistenti e persone inadeguate, sono riuscita anche a coinvolgere dei lavoratori socialmente utili, a nessuno di loro però ho potuto certificare le proprie competenze. Pochissime di queste persone sono attualmente impegnate nel mondo dello spettacolo, certamente non le migliori.

Abbiamo sparso mestiere come sabbia in un deserto, quando invece si poteva tirare su una categoria altamente competente, una scuola di scenografia da strada che avrebbe potuto lavorare in altre realtà, stessa cosa per la sartoria teatrale. Parlo ovviamente dei miei mestieri, ma posso allargarmi a tutti quelli tecnici, dello spettacolo e di altri eventi culturali, quelli esenti dalla necessaria discrezionalità artistica: luci, fonica, assistenza alla regia, direzione di scena, allestimento, montaggio.

Certo adesso le finanze del comune sono di parecchio più disastrate di allora e non so quanto di quella Palermo potrà rivivere, ma vorrei che si facesse in modo che, anche un dieci per cento di quelle attività, fosse più virtuoso e contribuisse alla formazione di categorie di lavoratori della cultura e dello spettacolo. Vorrei che questa gente possa crescere insieme alla città, come una volta, ma questa volta in un dialogo scambievole che accresca e certifichi le competenze di ognuno, così che queste possano essere spese in futuro e altrove, così da attirare un circuito di docenti e discenti: una grande scuola di formazione a basso costo

Come fare questo?

Io credo che l’esperienza possa avere fornito gli strumenti per aggirare i vecchi errori e suggerire dei rapporti più trasparenti fra l’assessorato e coloro che lavorano nel mondo della cultura. Già 20 anni fa si fecero delle innovazioni epocali rompendo il meccanismo dei finanziamenti a pioggia, fornendo spazi e servizi alle piccole compagnie.

Adesso, quell’innovazione tecnologica (web 2.0) che ci ha permesso una campagna elettorale viva ed economica, un contatto con gli elettori mai visto in passato, ci può aiutare a creare un meccanismo di feedback (scusate l’inglese ma non trovo la traduzione) per cui il cittadino può dare dei voti agli spettacoli, può commentarli, in modo da favorire la scelta dei finanziamenti e delle programmazioni. Lo stesso si può fare con i singoli lavoratori del mondo dello spettacolo.

Si può andare verso la costutuzione di un portfolio (scusate ancora l’inglese) di ogni compagnia ma anche di ogni lavoratore, a quest’ultimo obbligatoriamente dovranno contribuire coloro che chiedono finanziamenti per la propria compagnia. Il concetto dovrebbe essere: tu mi chiedi dei soldi io e ti chiedo in cambio l’utilizzo di maestranze che siano state certificate da altre compagnie che hanno lavorato prima di te. Ogni compagnia, al momento del rendiconto, dovrà fornire il feedback delle varie competenze. Ogni singolo potrebbe così acquisire dei punteggi di merito che sono quelli che rispondono a criteri di affidabilità, bravura e rispetto dei tempi. Questo apprendimento in progress potrebbe poi essere arricchito da lezioni aperte tenute da artisti affermati (scenografi, registi, costumisti, lighting designers) in tournée a Palermo per conto del comune.

Parliamone

Annunci

Read Full Post »

ImmagineQuelli che votano Leoluca Orlando perché …

– tra tutti i candidati a sindaco di Palermo è quello più dotato delle caratteristiche necessarie (passione, esperienza, competenza e relazioni internazionali) per risollevare la città dalla disastrosa situazione in cui l’hanno lasciata le giunte Cammarata e tutte le forze politiche di centro-destra che le hanno appoggiate;

– il suo programma non è un libro dei sogni da delegare ad un leader, ma un progetto realistico e collettivo che richiede partecipazione e controllo dal basso, che, guardando al presente e al futuro, si pone in continuità con le realizzazioni prevalentemente positive delle Giunte della “primavera palermitana”, facendo tesoro anche della riflessione sugli obiettivi mancati e sui limiti di quell’esperienza;

– non farà mai alleanze con quanti hanno sostenuto le Giunte Cammarata, con quanti sostengono il Governo Lombardo e, più in generale, con tutti gli opportunisti e i trasformisti sempre pronti a saltare sul carro dei vincitori;

– la sua elezione a Sindaco avrebbe un valore che va oltre la città di Palermo, potrebbe contribuire ad un analogo cambiamento al Governo della Regione per rompere il sistema di potere clientelare e consociativo che da troppo tempo soffoca la Sicilia.

Primi firmatari:

Annalisa Aiello, Piera Anello, Flora Arcuri, Gilda Arcuri, Angela Maria Arici, Marcello Arici, Massimo Attanasio, Maria Luisa Balbo, Piero Barbera, Silvano Barraja, Agata Bazzi, Marco Betta, Giuliette Blamont, Antonio Blandino Alamia, Eugenio Blandino Alamia, Lucia Bonaffino, Giuseppe Bono, Antonio Boscia, Maria Pia Bottino, Giuliana Brucato, Salvatore Brucato, Pippo Bruno, Adele Bucalo Triglia, Alessandro Busacca, Giuseppe Cabibbo, Aurelio Calafiore, Piero Caldarera, Augusto Canonico, Francesco Cantafia, Corrado Carpintieri, Antonio Chella, Giuseppe Cipolla, Maria Adele Cipolla, Saverio Cipriano, Emilia Colajanni, Luigi Colajanni, Carlo Columba, Michele Cometa, Aldo Costa, Mario Cottone, Francesco Crescimanno, Zaher Darwish, Anna Maria De Filippi, Giusi De Santes, Gabriella Di Buono, Margherita Di Girolamo, Michele Di Girolamo, Flora Di Legami, Pippo Di Liberto, Bruno Di Maio, Enrico Di Stefano, Alfonso Dilio, Daniela Dioguardi, Giovanna Dolcemascolo, Amedeo Falci, Cristina Fatta Del Bosco, Salvo Fedele, Francesco Ferla, Emilia Ferruzza, Giovanni Fiandaca, Aldo Fici, Maria Floriano, Anna Flugy, Sergio Franchina, Mosè Galluzzo, Rosellina Garbo, Marina Gaziano, Giovanni Gentile, Vincenzo Gervasi, Maurizio Giambalvo, Daniela Giangrasso, Emanuele Giarrizzo, Arturo Grassi, Annalisa Greco, Mimma Grillo, Filippo Grippi, Francesco Guadalupi, Maria Guagliardito, Riccardo Gueci, Francesco Guttadauro, Maurizio Guzzardo, Loredana Iapichino, Rosalba Imburgia, Serena Indovina, Claudia La Franca, Maurizio Leone, Giuseppe Lo Manto, Caterina Lo Presti, Girolamo Lo Verso, Maria Grazia Lunetta, Alessandra Manzella, Anna Maraventano, Maria Luisa Marchetta, Giuseppe Carlo Marino, Rosalia Marino, Antonio Marsala, Giovanni Mazzara, Lucia Mazzarella, Sergio Milan, Giancarlo Minaldi, Daniela Moggi, Maria Luisa Mondello, Clara Monroy, Donatella Natoli, Giuseppe Nicolaci, Valeria Parasporo, Eugenia Parodi Giusino, Francesco Petruzzella, Giusto Picone, Maria Gabriella Pucci, Tiziana Raia, Maurizio Raineri, Gianna Ratto, Leontine Regine, Gabriella Renier Filippone, Laura Restuccia, Antonio Riolo, Claudio Riolo, Fernando Riolo, Rosana Rizzo, Santi Rizzo, Antonio Romano, Michelina Sacco, Filippo Salvia, Leonardo Samonà, Fabio Sanfilippo, Anna Sangiorgi, Giovanni Saverio Santangelo, Salvatore Savoia, Daniela Schimicci, Elio Sciarrino, Armando Sorrentino, Giuseppe Sunseri, Rosemarie Tasca, Anita Titi Basile, Sebastiano Torcivia, Pino Toro, Maurizio Toscano, Francesca Traina, Alberto Tulumello, Diamante Turri, Carolina Tutone, Renato Tutone, Donatella Urso Grasso, Mirella Urso, Francesca Vassallo, Vittorio Villa, Teresa Vittorelli Corrao

Per aderire, scrivere a quellichevotanoorlandosindaco@gmail.com indicando nome e cognome

l’appello autofinanziato dai firmatari è comparso stamattina su Repubblica Palermo

Read Full Post »